domenica 16 marzo 2014

Highlander Vengeance - Vendetta immortale



Highlander Vengeance - Vendetta immortale (il titolo originale è Highlander: The Search for Vengeance) è un anime del 2007, diretto da Yoshiaki Kawajiri (regista di Ninja Scroll, Vampire Hunter D - Bloodlust), scritto da David Abramowitz, prodotto in collaborazione dalla Imagi Animation e dalla Madhouse (Ninja Scroll, Vampire Hunter D - Bloodlust, Claymore) e liberamente ispirato alla popolare saga di Highlander.

Trama – Nella 2187, l’unica porzione di territorio rimasto di New York è Manhattan, a causa di guerre, malattie, surriscaldamento globale ed innalzamento degli oceani. Gli Stati Uniti d’America si sono politicamente dissolti, così come le altre istituzioni pubbliche.
Nondimeno, le persone più abbienti vivono in maniera agiata all’interno di una parte di Manhattan che è stata isolata, fortificata e controllata militarmente da un dittatore. All’esterno di essa vige l’anarchia: la stragrande maggioranza della popolazione non ha i mezzi per procurarsi i generi di prima necessità, viene decimata da un virus letale ed è alla mercè di bande di feroci criminali.
In tale contesto, il protagonista della vicenda è Colin MacLeod (capo villaggio britanno ed immortale che può perire solo per decapitazione) che cerca di vendicare la morte di sua moglie Moya, uccisa mediante crocifissione duemila anni prima dal generale romano Marcus Octavius (un altro immortale), nel corso delle spedizioni militari compiute da Giulio Cesare in Inghilterra.
Nei secoli passati, Colin ha sempre cercato di uccidere Marcus, senza però riuscire a raggiungere il suo obiettivo. Tuttavia, l’occasione per portare a termine la sua missione gli si presenta, perché viene a conoscenza del fatto che la porzione fortificata di Manhattan è governata da Marcus. Da questo momento in avanti, si unirà ad un gruppo di ribelli e combatterà con loro per sconfiggere l’odiato nemico di sempre.



Commento – L’ambientazione dell’anime è il classico mondo post-apocalittico, devastato da una catastrofe, in cui la popolazione umana è in una situazione politica di caos, dominata da signori della guerra perfidi e crudeli. Nel film emergono anche elementi distopici: controlli militari rigidi, propaganda tesa a dimostrare la superiorità del regime, impossibilità per i soggetti esterni alla città di entrarvi e un leader carismatico che ha poteri dittatoriali.
La trama è piuttosto piatta e non presenta particolari colpi di scena. Inoltre, escludendo Marcus e Colin, l’anime non approfondisce il profilo psicologico dei personaggi. Nonostante ciò, i continui combattimenti non consentono allo spettatore di annoiarsi.
L’animazione e il character design sono il punto forte dell’opera e mi hanno impressionato positivamente. I disegni dei personaggi sono raffinati e presentano il tipico marchio di fabbrica che contraddistingue i prodotti della Madhouse.


Nel complesso ritengo che questo sia un buon film, anche se non straordinario.