domenica 9 marzo 2014

Violence Jack OAV 1: Harlem Bomber – Slum King




Violence Jack è un manga di Go Nagai, che, successivamente, è stato trasposto in tre OAV, prodotti tra il 1986 e il 1990. Tengo a precisare che questi anime non terminano la serie del grande maestro nipponico e si presentano come episodi autoconclusivi.

Oggi, vi parlo del primo OAV (relativo al ciclo di Violence Jack): Harlem Bomber – Slum King (di seguito per brevità Harlem Bomber). Questo è un film della durata di 37 minuti, riconducibile a vari generi: azione, avventura, pulp, soprannaturale, erotico, diretto da Osamu Kamijoo, prodotto dalla Dynamic Planning (impresa giapponese fondata da Go Nagai).



Trama – La Terra è stata colpita da un meteorite che ha causato morte e distruzione. La società umana è allo sbando e gli stati nazionali si sono dissolti.
La vicenda si sviluppa in Giappone ed in particolare nel Kantō, territorio nel quale si è schiantato il meteorite in discorso. In questa zona, vi è una situazione di anarchia politica e sociale nella quale uno signore della guerra chiamato Slum King ha assoggettato la popolazione al suo volere, rendendola schiava ed uccidendo tutti gli oppositori.
Un uomo, tuttavia, non accetta questo servaggio e combatte la crudeltà di Slum King, ottenendo anche svariati successi, il suo nome è Violence Jack. Il narratore esterno dell’anime ce lo descrive in questo modo:

Ha i muscoli di un gorilla! Le zanne di un lupo! Nelle sue pupille brucia un fuoco primordiale. È alto due metri e venti e il suo corpo freme dal desiderio di combattere!”.

Harlem Bomber è il primo OAV della serie di anime, relativa a Violence Jack. In questa avventura, il protagonista affronta una banda di criminali comandata dal sommo Bomber (uno sgherro di Slum King), che si occupa di rapire giovani ragazze ed avviarle al mercato della prostituzione.


Ken, una delle guardie personali del sommo Bomber, riconosce in una di queste ragazze la sua amata Mari, donna con la quale aveva avuto una relazione, prima del terribile cataclisma che ha distrutto parte della Terra. Di conseguenza, decide di liberarla dalla prigionia e di fuggire con lei.



Commento – In Harlem Bomber, come del resto in tutti gli OAV relativi al ciclo di Violence Jack, lo scenario è distopico: lo stato giapponese non esiste più (e anche le istituzioni ad esso correlate), il territorio si è desertificato, i generi di prima necessità sono introvabili e il territorio è controllato da bande di criminali armati in continua lotta tra loro. Tale contesto, rende questo anime molto simile al popolare film Mad Max - Oltre la sfera del tuono, diretto da George Miller  e con protagonista un giovane Mel Gibson.
Di particolare rilievo è il fatto che in Harlem Bomber, è difficile distinguere tra bene e male, in quanto le persone, non di rado, cedono ai loro bassi istinti al fine di preservare la propria incolumità. Lo stesso protagonista, l’errabondo Violence Jack, può essere ricondotto, a buon diritto, nella categoria dell’antieroe.
Nonostante la trama di questo anime sia lineare, lo spettatore non ha tempo di annoiarsi, poiché le scene sono connotate da una crudeltà ed una violenza senza pari ed anche da talune scene di sesso esplicito.
Il  character design è di ottima fattura ed anche l’animazione è fluida.
Di certo tornerò a parlarvi degli altri OAV del ciclo di Violence Jack. Nel frattempo, ritengo che Harlem Bomber possa essere ritenuto un prodotto di buon livello e ne consiglio la visione.