giovedì 24 luglio 2014

Noah



Scheda:

Titolo originale: Noah
Lingua originale: inglese
Paese di produzione: Stati Uniti d'America
Anno: 2014
Durata: 138 min
Rapporto: 1,85 : 1
Genere: azione, biblico, drammatico, epico, fantastico, avventura
Regia: Darren Aronofsky
Soggetto: Genesi (racconto sull'Arca di Noè)
Sceneggiatura: Darren Aronofsky, Ari Handel, John Logan (non accreditato)
Produttore: Darren Aronofsky, Scott Franklin, Mary Parent, Ric Kidney, Amy Herman (co-produttore)
Produttore esecutivo: Ari Handel, Chris Brigham, Arnon Milchan
Casa di produzione: Disruption Entertainment, New Regency Pictures, Protozoa Pictures
Distribuzione (Italia) : Universal Pictures
Fotografia: Matthew Libatique
Montaggio: Andrew Weisblum
Effetti speciali: Lindsay Boffoli, Kley Gilbuena, Aleksandr Lokensgard, Frazer Newton, Garth Steinheimer, Johannes Sverrisson
Musiche: Clint Mansell
Scenografia: Mark Friedberg
Costumi: Michael Wilkinson
Trucco: Jo Allen, Sunday Englis, Ragna Fossberg, Scott Hersh, Craig Lindberg, Craig Lyman, Donyale McRae, Jeremy Selenfriend




Interpreti e personaggi:
Russell Crowe: Noè
Jennifer Connelly: Naameh
Ray Winstone: Tubal-cain
Anthony Hopkins: Matusalemme
Emma Watson: Ila
Logan Lerman: Cam
Douglas Booth: Sem
Leo McHugh Carroll: Jafet
Marton Csokas: Lamech
Finn Wittrock: giovane Tubal-cain
Madison Davenport: Na'el
Gavin Casalegno: Sem da piccolo
Nolan Gross: Cam da piccolo
Skylar Burke: Ila da piccola
Dakota Goyo: Noè da piccolo
Barry Sloane: leader bracconieri
Doppiatori originali
Frank Langella: il Vigilante Og
Nick Nolte: il Vigilante Samyaza
Mark Margolis: il Vigilante Magog
Kevin Durand: il Vigilante Rameel

Doppiatori italiani:

Fabrizio Pucci: Noè
Barbara De Bortoli: Naameh
Francesco Pannofino: Tubal-cain
Dario Penne: Matusalemme
Letizia Ciampa: Ila
Flavio Aquilone: Cam
Alessandro Ward: Sem
Federico Campaiola: Jafet
Niseem Onorato: Lamech
Christian Iansante: giovane Tubal-cain
Rossa Caputo: Na'el
Tito Marteddu: Sem da piccolo
Emanuele Suarez: Cam da piccolo
Anita Valenzi: Ila da piccola
Stefano Benassi: il Vigilante Og
Paolo Buglioni: il Vigilante Samyaza



Trama: Noah è il prescelto dal Creatore per eseguire le sue volontà. L'uomo deve costruire un'arca capace di contenere due esemplari di tutte le specie animali per metterli in salvo dall'arrivo di un diluvio che sommergerà tutte le terre emerse per lungo tempo. Il sacrificio di Noah e la sua devozione alla "missione", però, lo mettono in aspro conflitto con la sua famiglia prima che con se stesso. (Tratto da http://www.comingsoon.it/)


Commento: Darren Aronofsky ci propone una rivisitazione del Diluvio Universale, con il quale Dio ha sterminato l’umanità corrotta, affidando a Noè il compito di costruire l'Arca e salvare la sua famiglia e le specie animali.
Il film presenta marcate differenze rispetto alla vicenda descritta nel libro della Genesi dell’Antico Testamento (cosa che peraltro io considero positiva ed intrigante, a dispetto delle critiche mossegli), tanto da apparire fantasy.
Anzitutto abbiamo molta azione, sangue e magia. Vi sono infatti numerosi combattimenti tra uomini, ma vi sono anche battaglie in cui intervengono creature mostruose come i Vigilanti (che nella Bibbia non vengono menzionati). Questi sono angeli puniti da Dio per essersi intromessi nelle vicende umane e trasformati in immani creature di pietra.
Il Noah (Noè) rappresentato nel film è assolutamente originale, atteso che non si limita ad essere un messaggero di Dio, pronto realizzare i progetti divini, ma all’occorrenza diventa anche un indomito guerriero, in grado di massacrare tutti coloro che intendono salire sull’Arca. Ma anche Matusalemme è rappresentato in maniera originale, dotato di poteri magici, sembra più simile ad uno stregone che ad un patriarca biblico.
Comunque, Darren Aronofsky ci catapulta in un mondo scabro e violento nel quale vige la legge del più forte e i signori della guerra la fanno da padrone. La civiltà è decadente e gli uomini sono disposti ad uccidersi l’un l’altro pur di avere le risorse minime, per provvedere al loro sostentamento.
Il villan per eccellenza è Tubal-cain, un tiranno locale, capo della tribù discendente da Caino, che decide di sfidare apertamente il Creatore, ritenendosi superiore a qualsivoglia divinità.
Di certo gli effetti speciali sono il punto di forza del film e garantiscono un grande impatto visivo, enfatizzando il cataclisma del Diluvio.
Ad ogni buon conto, questo è un film godibile, che scorre veloce senza il rischio di annoiare lo spettatore.