lunedì 24 novembre 2014

L’ombra che scivola di Robert E. Howard - La saga di Conan il Cimmero

Scheda:
Titolo: L’ombra che scivola
Titolo originale: Xuthal of the Dusk / The Slithering Shadow
Autore: Robert E. Howard
Editore: Weird Tales
Genere: sword and sorcery
Data di pubblicazione: 1934
Data di pubblicazione italiana: 1974
Editore: Nord, Fantacollana 5


L’ombra che scivola è il tredicesimo racconto del ciclo originale di Conan, pubblicato nel 1933 su Weird Tales con il titolo di "Xuthal of the Dusk". In Italia, la casa editrice Nord ha messo in commercio questa short story nel 1974, includendola in Conan l’avventuriero, quinto volume della serie dedicata al Cimmero...

La vicenda:
Conan riesce a salvarsi dalla disfatta dell’esercito del Principe Almuric, sterminato dalle truppe kushite e stygiane, aprendosi un varco tra i nemici e fuggendo con un cammello nel deserto e portando con sé Natala, una schiava
brythuniana da lui acquistata in un mercato. Nondimeno i due dopo alcuni giorni di viaggio esauriscono le provviste e rischiano di perire di sete e fame.
Dopo aver preso atto della situazione, Conan decide di uccidere Natala per evitarle sofferenze inutili ed atroci.
All’improvviso scorge una città lontana all'orizzonte, che inizialmente crede essere un miraggio, e si incammina verso di essa con la ragazza. Una volta giunto lì, i due entrano varcano le mura e il Cimmero viene aggredito da un soldato, che pensava fosse morto. Prontamente Conan gli assesta un preciso fendente e uccidendolo, gettandolo in un pozzo.
In seguito Conan e Natala entrano all’interno di un palazzo, dove incontrano Thalis, un’avvenente donna stygiana. Costei racconta loro che quella è Xuthal, un’antica città costruita attorno ad un’oasi. Thalis riferisce che la totalità della popolazione assume
una droga estratta dal Loto Nero, che conduce ad una sorta di letargia simile alla morte. I cittadini di Xuthal infatti sono diventati schiavi di questa sostanza, tanto che rimangono nella condizione di sonno prodotto dal Loto Nero per gran parte della giornata.
Ma vi è di più! Queste bizzarre persone adorano Thog, un mostruoso rospo gigantesco che si aggira liberamente per le strade, cibandosi dei cittadini.
Conan e Natala sono disgustati da questo racconto e manifestano la volontà di lasciare da quella decadente ed empia città. Ma Thalis cerca di convincerli a
rimanere, poiché e rimasta folgorata dal fisico nerboruto del Cimmero.
Ma i due rifiutano la sua proposta e Thalis rapisce Natala, la imprigiona, la frusta, con l'intento di sacrificarla a Thog. Nel fare tutto ciò la donna non si accorge che il mostro è proprio dietro di lei e viene trascinata via e trucidata.
Dopo aver ucciso Thalis, Thog si appresta a cibarsi anche di Natala. Conan è rapido come una pantera ad affrontare il mostro, sferzandolo ripetutamente, cagionandoli numerose ferite e facendolo precipitare in un pozzo. Poi il Cimmero si lancia a liberare Natala, ma a seguito del combattimento contro Thog le sue condizioni di vita sono precarie. La ragazza allora prende un’anfora di liquido dorato in una stanza del palazzo e la fa bere a Conan che riesce a ristabilirsi e i due
lasciano la città avventurandosi nuovamente nel deserto.

Voto 5/5

Spunti:

a) Personaggi:
Conan
Natala, schiava di Conan
Almuric, principe sconfitto da kushiti e stygiani
Thalis, cittadina di Xuthal

b) Luoghi:
Xuthal, antica città del deserto del Kush
Kush, stato simile alla Nubia
Stygia, regione simile all’Antico Egitto

c) Mostri:
Thog, rospo gigante


d) Divinità:
Crom, dio dei Cimieri
Mitra: divinità principale degli Hyboriani e nemico di Set