lunedì 1 dicembre 2014

Lo stagno dei neri di Robert E. Howard - La saga di Conan il Cimmero

Scheda:
Titolo: Lo stagno dei neri
Titolo originale: The Pool of the Black One
Autore: Robert E. Howard
Editore: Weird Tales
Genere: sword and sorcery
Data di pubblicazione: 1933
Data di pubblicazione italiana: 1974
Editore: Nord, Fantacollana 5


Lo stagno dei neri è il quattordicesimo racconto del ciclo originale di Conan, pubblicato nel 1933 su Weird Tales con il titolo di The Pool of the Black One. In Italia, la casa editrice Nord ha messo in commercio questa short story nel 1974, includendola in Conan l’avventuriero, quinto volume della serie dedicata al Cimmero...

La vicenda:
Conan, dopo essere fuggito dalle Isole Baracha, si arrampica su una nave, il Rifiuto, chiedendo a Zaporavo, il capitano, di essere assoldato come marinaio. L’attenzione del cimmero viene attirata dalle fisico voluttuoso di Sancha, una ragazza del serraglio del capitano, figlia del Duca della Koldava.
Zaporavo intuisce l’abilità di Conan e accetta la sua offerta. Tuttavia, quando il barbaro raggiunge la ciurma, viene sfidato a duello da uno zingariano e lo uccide con un poderoso pugno alla mascella. Nonostante l’omicidio, Conan lavora sodo e si dimostra gioviale nei confronti degli uomini della ciurma, riuscendo ad ottenere la loro stima.
Intanto, Zaporavo conduce il Rifiuto in una misteriosa isola, dove spera di
trovare un tesoro leggendario, citato nel libro di Skelos. Sceso dalla nave, il capitano, mentre i suoi uomini ingurgitano frutta, si avventura in solitaria nella giungla, seguito di nascosto da Conan. Il barbaro non si lascia sfuggire l’occasione di sfidare a duello Zaporavo, ora che è lontano dalla protezione dei suoi marinai, e lo uccide.
Intanto il cimmero vede una grottesca figura nera trasportare un uomo. Decide di seguirla e apprende che l’isola non è deserta, ma è abitata da alcuni giganti mostruosi neri. Queste creature praticano dei riti blasfemi attorno ad uno stagno ed hanno catturato sia l’equipaggio del Rifiuto che
Sancha, allo scopo di trasformarli in piccole statue di pietra rimpiccolite. Conan si getta con foga contro questi mostri, combattendo come un leone e, grazie all’aiuto dei marinai dell’equipaggio, riesce ad ucciderli e ad azionare un meccanismo di distruzione dello stagno.
Una volta raggiunto il Rifiuto, Conan si proclama capitano della nave e ordina agli uomini di dirigersi verso ricchi porti da saccheggiare.



Spunti

a) Personaggi:
Conan
Sancha, figlia del Duca della Koldava
Zaporavo, capitano del Rifiuto

b) Luoghi:
Zingara, penisola iberica

c) Mostri:
Neri, creature antropomorfe completamente nere, ma con una muscolatura e un’altezza superiore a quella umana

d) Divinità:
Crom, dio dei Cimieri

Mitra, divinità principale degli Hyboriani e nemico di Set